ANSA: ROUEN: SILP CGIL; RISCHI ANCHE IN ITALIA, PIU' RISORSE A PS -SICUREZZA: SINDACATI PS, NO COMPETENZE FORESTALI CITES A CC-COMUNI: A MILANO NASCE COMITATO LEGALITA' E TRASPARENZA-CORRUZIONE:DAVIGO,CONDANNATI VENGONO CANDIDATI IN PARLAMENTO

mercoledì 27 luglio 2016

ROUEN: SILP CGIL; RISCHI ANCHE IN ITALIA, PIU' RISORSE A PS

ROMA, 26 LUG

"Il terrorismo internazionale alza il tiro e dobbiamo essere pronti, anche in Italia, a gestire un possibile attentato. Non possiamo negarlo, anche se il lavoro delle forze dell'ordine e dell'intelligence e' straordinario. Ma nessun paese e' oggi a rischio zero". Lo afferma Daniele Tissone, segretario generale del sindacato di polizia Silp Cgil.    "L'attacco alla Chiesa in Francia - dice Tissone - e lo sgozzamento del parroco arrivano, guarda caso, dopo i forti messaggi di pace e di speranza di Papa Francesco che ha chiesto con forza uno stop a tutte le violenze. Non dobbiamo cedere alla paura. Soprattutto, non dobbiamo cedere a chi sfrutta simili eventi per raccogliere consensi, non avendo in mano alcuna soluzione concreta per risolvere i delicati problemi connessi all'escalation in atto".    "In Italia - conclude il leader del Silp Cgil - quello che chiediamo al Governo e' uno sforzo maggiore sulla sicurezza in termini di uomini, mezzi e strutture. Segnali importanti sono recentemente arrivati, non possiamo negarlo. A partire dalla fornitura di nuovi giubbotti antiproiettile. Ma molto resta ancora da fare". (ANSA).

 

SICUREZZA: SINDACATI PS, NO COMPETENZE FORESTALI CITES A CC

ROMA, 26 LUG

Il decreto legislativo in materia di razionalizzazione delle funzioni di polizia e assorbimento del Corpo forestale dello Stato, "contrariamente a quanto rappresentato nei lavori preparatori, starebbe per essere modificato per attribuire le competenze  del Cites (Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora minacciate di estinzione) in via esclusiva all'Arma dei Carabinieri. Qualora tale ipotesi dovesse trovare riscontro, ci troveremmo di fronte ad una palese violazione del nostro diritto amministrativo che, in tema di autorizzazione, delega tale potesta' solo all'autorita' civile nazionale, regionale, provinciale e comunale, ovvero all'autorita' di pubblica sicurezza che la legge 121/81 attribuisce, in via esclusiva, alla Polizia di Stato". Lo segnalano i sindacati di polizia Siulp, Siap, Silp Cgil, Ugl polizia, Uil polizia e Consap.    "Di fronte ad una siffatta situazione - aggiungono i sindacati - esprimiamo la netta contrarieta' e richiamiamo l'attenzione del Governo, in particolare del ministro Alfano e della ministra Madia affinche' il processo riformatore non significhi lo stravolgimento delle leggi vigenti e la militarizzazione della funzione di polizia". (ANSA).

 

COMUNI: A MILANO NASCE COMITATO LEGALITA' E TRASPARENZA A PRESIEDERLO L'EX MAGISTRATO GHERARDO COLOMBO

MILANO, 26 LUG

A Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, e' nato il primo Comitato per la Legalita', la Trasparenza e l'Efficienza amministrativa, presieduto dall'ex magistrato Gherardo Colombo. La nascita del Comitato era stata annunciata dal sindaco, Giuseppe Sala, nel corso della campagna elettorale. Tra i compiti che svolgera', come sottolinea una nota del Comune, lo studio, approfondimento e promozione di azioni, verifiche e controlli sulla tematica della legalita'. Oltre al costante sviluppo dei presidi rivolti a garantire la conoscibilita' da parte della cittadinanza dei processi decisionali pubblici.    Inoltre potra' ricorrere a facolta' istruttorie e di accesso: informera' la cittadinanza e comunichera' al sindaco ed, eventualmente, al Consiglio comunale le attivita' svolte e irisultati ottenuti, tramite relazioni periodiche e altri strumenti ritenuti idonei.    Costituito all'interno del Gabinetto del Sindaco, il comitato indipendente si insediera' domani e sara' composto, oltre che dal presidente Gherardo Colombo, dalla co-fondatrice ed ex presidente di Transparency International Italia Maria Teresa Brassiolo, da Federico Maurizio d'Andrea, gia' ufficiale della Guardia di Finanza e poi consulente in materia di internal control governance in grossi gruppi aziendali, e da Stefano Nespor, avvocato specializzato in diritto dell'ambiente, amministrativo e del lavoro.(ANSA).

 

CORRUZIONE:DAVIGO,CONDANNATI VENGONO CANDIDATI IN PARLAMENTO 'C'E' IMPEGNO ORLANDO MA NON BASTANO SCONTI PENA PREMIALI'

ROMA, 26 LUG

 Una volta quando un corrotto veniva preso "lo costringevano a farsi da parte". Ora capita anche che sia "candidato in Parlamento".Lo ha detto il presidente dell'Anm Piercamillo Davigo, durante il programma "Bianco e nero" in onda su Radio Rai 1, in cui era impegnato in un confronto con il ministro della Giustizia.    Ad Orlando Davigo ha dato atto di aver fatto contro la corruzione "il possibile nelle condizioni date", che sono tuttavia "inaccettabili", perche'  "un Paese che accetta un alto tasso di corruzione non e' civile".    "Si sono introdotte per la prima volta riduzioni di pena per chi collabora", ha riconosciuto Davigo. Ma si tratta di una misura "del tutto insufficiente. Siccome non scatta l'esclusione dei condannati da cariche pubbliche o da rapporti con la pubblica amministrazione ritroviamo le stesse persone 10 o 20 anni dopo a fare le stesse cose, o addirittura vengono candidati in Parlamento" o messi a capo di importanti aziende. (ANSA).

 


Tua email:   Invia a: