NOVITA’ DDL BILANCIO 2018. CONTRATTO: RISORSE SUPPLETIVE PER STRAORDINARIO E F.E.S.I.. RIORDINO: PIU’ TEMPO PER CORRETTIVI. NIENTE PROROGA R.M. E PASSAGGIO AD INAIL di Gianluca Taccalozzi

giovedì 21 dicembre 2017

NOVITA’ DDL BILANCIO 2018. CONTRATTO: RISORSE SUPPLETIVE PER STRAORDINARIO E F.E.S.I.. RIORDINO: PIU’ TEMPO PER CORRETTIVI. NIENTE PROROGA R.M. E PASSAGGIO AD INAIL di Gianluca Taccalozzi

La V Commissione Bilancio della Camera ha terminato i lavori sul DDL Bilancio 2018. Il testo passa ora all’esame della Camera per poi tornare in Senato per la definitiva approvazione, quasi sicuramente senza ulteriori modifiche.

Per quanto di interesse del personale della Guardia di Finanza segnalo che:

  • è stato approvato un emendamento a firma Fiano (PD) con il quale si destinano risorse suppletive (50 milioni di euro nel 2018, 100 milioni nel 2019 e 150 milioni dal 2020) al comparto sicurezza e difesa per finanziarie la rivalutazione misure orarie straordinario ed i F.E.S.I con riferimento ai trattamenti economici accessori relativi allo svolgimento dei servizi operativi;

    in questo senso, le risorse sono poche per dichiararmi soddisfatto, prendo però atto con favore che Governo e Parlamento hanno accolto in toto le richieste avanzate dal Co.Ce.R. Guardia di Finanza in ordine allo straordinario, al F.E.S.I ed all’esigenza di separare le risorse contrattuali (da mettere tutte sul fisso) e quelle relative all’accessorio;

  • con lo stesso emendamento sono stati prorogati al 31.12.2018 i termini per la definizione dei correttivi al riordino del personale di Polizia e istituita la possibilità di correttivi al riordino del personale delle Forze Armate con lo stesso termine;

  • è stato approvato un emendamento che concede alla Guardia di Finanza la possibilità di arruolare finanzieri attingendo dagli “idonei non vincitori” del concorso per VFB del 2012;

  • non sono stati posti in votazione e quindi non sono stati approvati gli emendamenti Vito (FI) che prevedeva l’ulteriore proroga del XI mandato della Rappresentanza Militare e quello proposto da numerosi parlamentari di quasi tutti i gruppi parlamentari che prevedeva il passaggio all’INAIL della gestione di malattie, infortuni e sicurezza sul lavoro del comparto.

Con queste premesse parte già da domani il tavolo per il rinnovo del contratto. E' ovivo che c'è la "voglia" del Governo di concludere in fretta, vedremo se ci sarà (e quanta sarà) anche la disponibilità ad accogliere le richieste delle rappresentanze.

Gianluca Taccalozzi - Delegato Co.Ce.R. Guardia di Finanza  

 


Tua email:   Invia a: