TEMPI MEDI RIMBORSI IVA, CHIESTI ALL'AGENZIA DELLE ENTRATE GLI OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO ASSEGNATI PER IL 2019 ALLE DIREZIONI PROVINCIALI CON I TEMPI 2018 PIÙ LUNGHI (TRA CUI MILANO, NAPOLI E ROMA) - di Giuseppe Fortuna

giovedì 25 luglio 2019

Dopo quello di due settimane fa ad Anac, oggi è stato inviato all’Agenzia delle Entrate il secondo accesso  generalizzato del Progetto Italia trasparente (disponibile DA QUI) per conoscere gli “obiettivi numerici” assegnati per 2019 in tema di tempi di pagamento dei rimborsi iva.

Al primo accesso, dello scorso 28 marzo, l’Agenzia ha risposto il successivo 17 aprile inviando una tabella dalla quale risulta che, nel 2018, i tempi medi più brevi sono stati conseguiti - nell’ordine - nelle province di Parma (45 giorni), Biella (47), Asti (49), Savona (49) e Pisa (50), mentre quelli più lunghi sono stati registrati a Nuoro (116 giorni), Novara (121), Milano (123), Palermo (123), Napoli (125), Ragusa (126), Messina (127), Roma (130), Siracusa (139) e Agrigento (156),

In questo caso, il salto di qualità del Progetto Italia trasparente si riassume in due semplicissime domande: il livello nazionale dell’Agenzia delle Entrate ha assegnato alle Direzioni delle nominate quindici province obiettivi di miglioramento per l’anno 2019? E - se sì - quali esattamente?

Il prosieguo dell’iniziativa sarà spiegato nella versione del Manuale del Progetto Etpl Italia trasparente attualmente in corso di predisposizione.

 

 


Tua email:   Invia a: