PROSEGUE PARTE QUINTA - COS’È IL “BENCHMARKING” E COME USARLO PER REPLICARE (OVUNQUE, IN MODO CERTO E IN TEMPI BREVI) LE MODALITÀ DI LAVORO DEI “PIÙ BRAVI DELLA CLASSE”

mercoledì 17 giugno 2020

CORSO DI FORMAZIONE 2020 PER “ATTIVISTI ETPL”

 

Continua la chiacchierata WhatsApp coi miei ex colleghi della Guardia di Finanza.

 

Il best in class

[15:33] AMICO 1

Però tu hai detto che il metodo Etpl permette l’avvio di percorsi di miglioramento e pure immediati. Ma non hai detto come

[16:21] GIUSEPPE FORTUNA

Esatto. È arrivato il momento di spiegare cos’è il BENCHMARKING.

[16:29] GIUSEPPE FORTUNA

E' una tecnica che si è diffusa a partire dagli anni settanta del secolo scorso tra imprese privata per individuare, all’interno di GRUPPI DI UNITÀ ORGANIZZATIVE INCARICATI DELLE MEDESIME PRODUZIONI, quelle che riescono a realizzarle della migliore qualità, nella maggior quantità e ai costi più bassi. PRESTAZIONI ECCELLENTI prodotte dai cosidetti “best in class”.

[16:30] GIUSEPPE FORTUNA

L’oggetto del benchmarking può essere il più vario. Si possono confrontare le caratteristiche sia dei prodotti ai clienti esterni che a quelli interni, i loro costi di produzione, le modalità di svolgimento dei processi di lavoro individuandone anche le singole azioni.

[16:32] AMICO 1

Ma come fai a misurare ad esempio costi e risultati, chessò, di una Sezione Amministrazione? A sembra impossibile.

[16:35] GIUSEPPE FORTUNA

E’ possibile. E la Guardia di finanza, grazie al sistema informativo S.I.Ris. lo ha fatto CON SUCCESSO – pensa un po’ – proprio per le Sezioni Amministrazione ben 22 anni fa: nel 1998.

[16:38] AMICO 3

Me lo ricordo, lavoravo a Napoli vennero dei nuclei dal Comando Generale perché le Sezioni Amministrazione del nostro Comando (allora si chiamava Legione) erano risultate la migliore d’Italia.

[16:52] GIUSEPPE FORTUNA

Esattamente. Le Sezioni Amministrazione della Legione di Napoli risultarono il BENCHMARK, cioè quelle col risultato migliore in termini di ore/persona impiegate tra tutti i Comandi di Legione della Guardia di Finanza. Inviammo dei “nuclei di analisi” per studiarne esattamente i processi, riportarli in schede analitiche, inviammo queste schede a tutti gli altri Comandi regionali e per l’anno successivo fissammo i seguenti OBIETTIVI NUMERICI ESATTI E PRECISI alle Sezioni Amministrazioni regionali: 1) alla Legione di Napoli di mantenere le stesse performance NUMERICHE in termini di quantità di ore/persona impiegate nella funzione (codici Siris F632. Attività svolte presso Sezioni conti e cassa di ogni reparto) e di qualità e quantità degli output (in questo caso, trattandosi di attività di funzjionamento, versati “a clienti interni”; 2) agli altri 19 Comandi di Legione di avvicinarsi alla prestazione eccellente di Napoli RIDUCENDO DI UNA QUANTITÀ ESATTA le ore/persona impiegate nel 2018 recuperando alle attività direttamente operative i cosidetti "militari equivalenti".

[16:51] GIUSEPPE FORTUNA

Abbiamo presentato il tutto in una conferenza a Forum P.A. di maggio del 1999 e a una conferenza alla Bocconi. Se interessa entro nei particolari.

[16:51] AMICO 2

Per carità!!!!!

[19:53] AMICO 3

Concordo con Amico 1

[20:03] AMICO 1

Concordo anch’io con Amico 1.

[20:15] GIUSEPPE FORTUNA

Comunque, trovate tutto qui http://www.ficiesse.it/home-page/6859/. Ci sono anche le schede analitiche dei processi e dei maxiprocessi. Poche migliaia di pagine davvero molto interessanti.

 

Analisi dei processi di lavoro del "best in class" nazionale delle Sezioni Amministrazione e utilizzazione dei dati (numerici) di performance per la fissazione degli obiettivi (numerici) di miglioramento dell'anno successivo alle Sezioni Amministrazione di tutta Italia

 

[20:24] AMICO 2

Tranquillo, ci andremo sicuramente. Adesso è ora di cena

[20:15] GIUSEPPE FORTUNA

Ok, non approfondiremo oltre ma - attenzione - anche dall'esempio concreto che abbiamo fatto, riferito addirittura ad attività di funzionamento e non di produzione diretta, si capisce che IL BENCHMARKING E' UNA TECNICA EFFICACISSIMA PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI perché, non soltanto si basa sulle misurazioni numeriche esatte di DIMENSIONI FISICHE (ore impiegate, output e outcome), ma (1)  NON CONSENTE "FURBERIE", perché le prestazioni eccellenti vengono VERIFICATE SUL POSTO, (2) LAVORA IN POSITIVO (caratteristica importantissima) perché i best in class, quelli bravi, sono sempre felicissimi di collaborare e (3) misura esattamente i miglioramenti attesi INDIVIDUANDO, ANALIZZANDO E CHIEDENDO QUANTO MENO DI REPLICARE (se non addirittura di ulteriormente migliorare) LE PRATICHE MIGLIORI (le best practice) CERTAMENTE INDIVIDUATE.

[20:15] GIUSEPPE FORTUNA

Amici, buona cena!


Tua email:   Invia a: