ESERCITO, MARINA E AERONAUTICA, A 18 ANNI IL PERIODO TRANSITORIO PER IL PASSAGGIO ALLE 3 FASCE IN DANNO DEI TEN. COL. E CAPITANI DI FREGATA PIÙ ANZIANI: RICORSO COLLETTIVO DE "LA RETE LEGALE". 80 EURO PER I SOCI FICIESSE. DOCUMENTI A ROMA ENTRO IL 30.6

domenica 22 giugno 2008

Dopo l’approfondimento pubblicato su questo sito l’11 giugno scorso, La Rete Legale ha dato notizia ieri del ricorso collettivo al Tar Lazio per tenenti colonnelli e gradi corrispondenti di Esercito, Marina e Aeronautica contro gli esiti negativi dell’avanzamento 2008.

Il costo del ricorso è stato fissato, a titolo definitivo, in 80 euro per almeno 20 ricorrenti per Forza Armata ed è necessario essere soci Ficiesse o soci de La Rete Legale.

Per scaricare la scheda di adesione, la procura alle liti e i dati per il versamento allo Studio legale incaricato bisogna collegarsi al sito www.laretelegale.it.

Si faccia attenzione ai tempi strettissimi: bisogna far pervenire la domanda a Roma entro il 30 giugno prossimo.

 

RICORSO COLLETTIVO AL TAR DEL LAZIO PER TENENTI COLONNELLI E GRADI CORRISPONDENTI DEI RUOLI NORMALI DI ESERCITO, MARINA E AERONAUTICA AVVERSO GLI ESITI DEI GIUDIZI DI AVANZAMENTO PER L’ANNO 2008

 

1. MOTIVI DEL RICORSO

Il D.lgs 30.12.1997, n.490 (recante “Riordino del reclutamento, dello stato giuridico e dell'avanzamento degli ufficiali, a norma dell'articolo 1, comma 97, della L. 23 dicembre 1996, n. 662) ha – o meglio avrebbe – introdotto, fra l’altro, una rilevante novità relativamente all’avanzamento al grado superiore dei Tenenti Colonnello, e gradi corrispondenti, dei Ruoli Normali, prevedendo (art.21, comma 2) una (più giusta) metodologia, basata sulla formazione di tre distinte aliquote di valutazione, ciascuna delle quali costituita in base ad una certa anzianità di grado degli Ufficiali da scrutinare. Questo sistema, a tutt’oggi, non ha però ancora trovato attuazione per effetto di un succedersi di proroghe, che, da quella inizialmente prevista di ben otto anni, arriverà (2015) ad un totale di addirittura diciotto anni, salvo ulteriori slittamenti. Se l’iniziale differimento dell’entrata in vigore della nuova disciplina, per quanto già di per sé tutt’altro che breve (8 anni), poteva trovare giustificazione nella necessità di assicurare una transizione graduale ai nuovi volumi di organico previsti, le successive proroghe sono state e sono del tutto immotivate e, soprattutto, gravemente pregiudizievoli per i Tenenti Colonnelli con maggiore anzianità di grado, che si sono visti, si vedono e, purtroppo, continueranno a vedersi precluso fino al 2015 (salve ulteriori proroghe) – e quindi in non pochi casi in via definitiva – l’obiettivo dell’avanzamento al grado superiore. I ricorsi collettivi avverso gli esiti dei giudizi di avanzamento per il 2008 sono finalizzati ad ottenere l’integrale annullamento delle procedure valutative per il 2008 relative ai Tenenti Colonnelli, e gradi equiparati, dei Ruoli normali, previo investimento della Corte Costituzionale del giudizio di illegittimità, per violazione degli artt.3 e 97 Cost., delle norme che hanno disposto le proroghe dell’entrata in vigore del nuovo sistema di avanzamento introdotto dal D.Lgs. n.490/1997.

 

2. I VANTAGGI IN CASO DI ACCOGLIMENTO

La declaratoria della illegittimità costituzionale ed il conseguente accoglimento dei ricorsi da parte del TAR del Lazio avrà l’effetto positivo per i ricorrenti di imporre alle Amministrazioni di appartenenza di rinnovare, ora per allora, i giudizi di avanzamento per il 2008, previa formazione delle tre aliquote di valutazione previste dall’art.21, comma 2°, del D.Lgs. n.490/1997, e quindi e finalmente con la concreta possibilità di essere iscritti nel quadro di avanzamento a scelta per il suddetto anno o, comunque, per quelli successivi all’accoglimento della domanda.


3. CHI PUÒ ADERIRE

Possono aderire i Tenenti Colonnelli, e gradi equiparati, dei Ruoli normali dell’Esercito, della Marina e dell’Aeronautica, che abbiano avuto notificato l’esito del giudizio di avanzamento per l’anno 2008 non oltre 40 giorni prima del 20 giugno c.a.

ATTENZIONE: i ricorrenti devono essere soci o sostenitori di La Rete Legale (informazioni sull’iscrizione nel menù posto sotto l’intestazione del sito www.laretelegale.it), oppure soci dell’Associazione Ficiesse.

L’adesione all’associazione Ficiesse può essere effettuata anche online dal sito www.ficiesse.it versando con carta di credito o accredito postale/bancario la quota associativa annuale di euro 10 (dieci).


4. LIMITE MINIMO DI ADESIONI

Saranno organizzati ricorsi distinti per le tre Forze armate, purché si raggiunga un numero minimo di 20 aderenti per ciascun ricorso.

Nel caso in cui non sia raggiunto il numero minimo di aderenti, sarà restituito agli interessati quanto ricevuto.


5. ATTENZIONE, SCADENZA RAVVICINATA!

I documenti di cui al punto 7 devono pervenire a La Rete Legale entro le ore 12 del 30 giugno 2008.

Per accordi diretti e immediati, è possibile telefonare al n. 340.2813453 oppure al n. 340.2993001.
 

 6. QUANTO COSTA

Il contributo di adesione al ricorso al TAR del Lazio è di EURO 80,00 ed è a titolo definitivo, cioè non sarà più chiesto alcunché, salvo il caso che, accolta l’eccezione di incostituzionalità da parte del TAR, i ricorrenti intendano costituirsi anche di fronte alla Corte Costituzionale.

 

7. COME ADERIRE

Si aderisce all’iniziativa:

1) compilando e sottoscrivendo la scheda di adesione;

2) rilasciando la procura alle liti;

3) effettuando un bonifico di EURO 80 a favore dello Studio legale che ha ricevuto l’incarico;

4) facendo pervenire il tutto entro il 30 giugno p.v. per posta indirizzata a “La Rete Legale”, c/o Associazione Ficiesse, via Palestro n. 78, 00165 Roma, o anche tramite CONSEGNA A MANO (in questo caso previo appuntamento telefonico da richiedere ai numeri 340.2813453 e 340.2993001) unitamente a:

- ricevuta del bonifico eseguito;

- una copia di un documento di identità e del codice fiscale;

- una copia della comunicazione dell’esito del giudizio di avanzamento per il 2008 e della relativa relata di notifica.

Scarica la scheda di adesione
Scarica la procura alle liti
Scarica gli estremi del versamento allo Studio legale incaricato
 


8. COME AVERE INFORMAZIONI PRIMA DI ADERIRE AL RICORSO

Basta collegarsi al sito internet www.laretelegale.it. Si può anche scrivere all’indirizzo “La Rete Legale, c/o Associazione Finanzieri Cittadini e Solidarietà, via Palestro n. 78, 00165 Roma” o telefonare ai n. 06.4742965 (dalle 9 alle 13 dei giorni feriali) e 340.2993001 (dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 18 dei giorni feriali).

 

9. COME AVERE INFORMAZIONI DURANTE LA PENDENZA DEL RICORSO

Nei periodi di pendenza del ricorso saranno forniti elementi generali di informazione sul sito www.laretelegale.it. Inoltre, saranno inviate email da LaReteLegale agli interessati che avranno indicato i loro recapiti di posta elettronica nella scheda di adesione. Informazioni potranno essere richieste via posta ordinaria all’indirizzo “La Rete Legale, c/o Associazione Finanzieri Cittadini e Solidarietà, via Palestro n. 78, 00165 Roma”, oppure telefonando ai n. 06.4742965 (dalle 9 alle 13 dei giorni feriali) e 340.2993001 (dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 18 dei giorni feriali).

 

 10. LA COMUNICAZIONE SULL’ESITO FINALE DEL RICORSO

L’esito del ricorso sarà comunicato a cura da La Rete Legale: 1) sul sito www.laretelegale.it; 2) con email ai ricorrenti che avranno indicato i recapito di posta elettronica; 3) con lettere individuali a ciascun ricorrente agli indirizzi indicati nelle schede di adesione. ATTENZIONE: è necessario che eventuali cambiamenti di indirizzo e di posta elettronica siano tempestivamente segnalati a La Rete Legale.

 

11. TERMINE PER FAR PERVENIRE LA DOCUMENTAZIONE PER LE NOTIFICHE

La scheda di adesione con i relativi allegati, la procura ad litem e il versamento del contributo di adesione devono pervenire a La Rete Legale entro le ore 12 del 30 giugno 2008

Per accordi diretti e immediati, è possibile telefonare al n. 340.2813453 oppure al n. 340.2993001.
 

 (20 giugno 2008)

 www.laretelegale.it

 

 

 

 

 

 


Tua email:   Invia a: