FONDO EFFICIENZA ISTITUZIONALE 2004/2009, RICORSO COLLETTIVO AL TAR LAZIO PER PERSONALE GDF DISTACCATO C/O MINISTERI (DIVERSI DA MINECONOMIA), DIA, SCP, DCPC, DCSA E ALTRI ORGANISMI. COSTO PER SOCI FICIESSE: 50 EURO A TITOLO DEFINITIVO. TERMINE 15.01.2011

mercoledì 27 ottobre 2010

FONDO EFFICIENZA ISTITUZIONALE 2004/2009, RICORSO COLLETTIVO AL TAR LAZIO PER PERSONALE GDF DISTACCATO C/O MINISTERI (DIVERSI DA MINECONOMIA), DIA, SCP, DCPC, DCSA E ALTRI ORGANISMI. COSTO PER SOCI FICIESSE: 50 EURO A TITOLO DEFINITIVO. TERMINE 15.01.2011

La Rete Legale promuove un ricorso collettivo al T.A.R. del Lazio riservato agli appartenenti alla Guardia di finanza che prestano servizio nelle strutture indicate negli articoli 7 dei decreti del Ministro dell’Economia e delle Finanze che ogni anno determinano, su proposta del Comandante Generale del Corpo, i criteri per la destinazione e l’utilizzazione delle risorse disponibili al 31 dicembre di ciascun anno del FONDO UNICO PER L’EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI, nonchà© le modalità  applicative concernenti l’attribuzione dei compensi.

Si fa riferimento, in particolare, ai militari della Guardia di finanza che, NEGLI ANNI 2004-2009, sono stati formalmente distaccati, per un PERIODO NON INFERIORE A 184 GIORNI, presso Ministeri (purchà© diversi dal Ministero dell’economia e delle finanze), Organismi ed Enti vari, tra i quali, in particolare: Direzione Investigativa Antimafia, Servizio Centrale di Protezione, Direzione Centrale Polizia Criminale, Direzione Centrale dei Servizi Antidroga.

Costo del ricorso al T.A.R. per gli iscritti a Ficiesse e per iscritti e sostenitori de La Rete Legale: 50 euro a titolo definitivo.

Il termine per aderire è fissato nel 15 gennaio 2011.
 

1) MOTIVI E SCOPO DEL RICORSO

L’articolo 53, comma 1, del D.P.R. 16 marzo 1999, n. 254, predispone rilevanti risorse finanziarie per la corresponsione di compensi monetari a tutti gli appartenenti alle Forze di polizia ad ordinamento militare finalizzati <<al raggiungimento di qualificati obiettivi ed a promuovere reali e significativi miglioramenti dell’efficienza dei servizi istituzionali da ogni singola Amministrazione>>.

Stiamo parlando del cosiddetto “FONDO UNICO PER L’EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI”, le cui somme, per il successivo comma 2, devono essere obbligatoriamente <<utilizzate per attribuire compensi finalizzati a:
a) fronteggiare particolari situazioni di servizio;
b) incentivare l’impegno del personale nella attività  operative e di funzionamento individuate (…) dal Comandante generale del Corpo della Guardia di finanza;
c) compensare l’impiego in compiti od incarichi che comportino l’assunzione di specifiche responsabilità  o disagio;
d) compensare la presenza qualificata;
e) compensare l’incentivazione della produttività  collettiva al fine del miglioramento dei servizi>>.

I criteri per la destinazione delle somme tra i diversi incarichi operativi e d’ufficio sono determinati ogni anno (a norma del successivo comma 3) con apposito decreto del ministro dell’economia e delle finanza emanato su proposta del Comandante Generale della Guardia di finanza, previa informazione del Cocer e (comma 4) <<non possono comportare una distribuzione indistinta e generalizzata>>.

Una distribuzione, quindi, che deve rispondere a criteri oggettivi, ragionevoli e predeterminati e per la quale sono consentite differenziazioni quantitative soltanto se giustificate – come detto – dall’assunzione di “specifiche responsabilità ” o da “disagio”.

Tale indicazione è stata tradotta in una discriminazione evidente in pregiudizio del personale del Corpo distaccato presso:

a) tutti i Ministeri diversi dal Ministero dell’economia e delle finanze;
b) tutti gli Organismi ed Enti vari esterni al Corpo diversi dalle Sezioni di polizia giudiziaria, compresi quindi, a mero titolo esemplificativo:
- la Direzione Investigativa Antimafia (DIA);
- il Servizio Centrale di Protezione (SCP);
- la Direzione Centrale di Polizia Criminale (DCPC);
- la Direzione Centrale dei Servizi Antidroga (DCSA).

Si tratta di una DIFFERENZIAZIONE RILEVANTE.

L’ultimo Decreto ministeriale, infatti, ha ripartito il “Fondo unico efficienza” per l’anno 2009 nel seguente modo:

- ex art. 2, da un coefficiente massimo di 5,5 a un coefficiente minimo di 5,1 per i militari che per non meno di 184 giorni sono stati titolari di incarichi di comando in: Comandi Provinciali, Reparti Operativi Aeronavali, Nuclei Speciali, Nuclei di Polizia Tributaria, Gruppi Esplorazione Aeromarittima, Gruppi Aeronavali, Gruppi, Compagnie, Stazioni Navali, Stazioni Navali di Manovra, Sezioni Aeree, Sezioni Aeree di Manovra, Sezioni Operative Navali, Tenenze e Brigate;

- ex art. 3, da un coefficiente massimo di 4,9 a un coefficiente minimo di 2,9 per i militari che per non meno di 184 giorni sono stati titolari di incarichi di comando (diversi da quelli di cui all’art. 2) in: Nuclei Speciali dei Reparti Speciali, ad esclusione dell’Ufficio Comando, dell’Ufficio Personale e AA.GG., dell’Ufficio Operazioni e delle Sezioni Comando (incluse quelle dei Gruppi dipendenti); Servizio Centrale Investigazione Criminalità  Organizzata, ad esclusione dell’Ufficio Comando, dell’Ufficio Raccordo Informativo e delle Sezioni Comando dei Gruppi dipendenti; Nuclei di Polizia Tributaria, ad esclusione dell’Ufficio Comando, dell’Ufficio Operazioni e delle Sezioni Comando (incluse quelle dei Gruppi dipendenti); Gruppi, ad esclusione delle Sezioni Comando, della Sala Operativa, delle Sezioni Servizi, dell’Autodrappello e delle Squadre Comando di Nucleo Operativo dipendente; Compagnie, ad esclusione della Squadra Comando; Tenenze, ad esclusione della Squadra Comando; Sezioni “I” dei Comandi Regionali e Provinciali; Nuclei Sommozzatori. I benefici competono anche ai responsabili delle articolazioni ordinativamente previste in cui sono inquadrati i piloti in stato di pronto intervento aereo, gli equipaggi fissi di volo e le unità  navali;

- ex art. 4, da un coefficiente massimo di 4,2 a un coefficiente minimo di 2,5 per i militari che per non meno di 184 giorni sono stati titolari di incarichi di comando diversi da quelli di cui agli articoli 2 e 3;

- ex art. 5, da un coefficiente massimo di 2,7 a un coefficiente minimo di 1,8 per i militari che per non meno di 184 giorni sono stati in forza in: Nuclei Speciali dei Reparti Speciali, ad esclusione dell’Ufficio Comando, dell’Ufficio Personale e AA.GG., dell’Ufficio Operazioni e delle Sezioni Comando (incluse quelle dei Gruppi dipendenti); Servizio Centrale Investigazione Criminalità  Organizzata, ad esclusione dell’Ufficio Comando, dell’Ufficio Raccordo Informativo e delle Sezioni Comando dei Gruppi dipendenti; Nuclei di Polizia Tributaria, ad esclusione dell’Ufficio Comando, dell’Ufficio Operazioni e delle Sezioni Comando (incluse quelle dei Gruppi dipendenti); Gruppi, ad esclusione delle Sezioni Comando, della Sala Operativa, delle Sezioni Servizi, dell’Autodrappello e delle Squadre Comando di Nucleo Operativo dipendente; Compagnie, ad esclusione della Squadra Comando; Tenenze, ad esclusione della Squadra Comando; Brigate; Sezioni “I” dei Comandi Regionali e Provinciali; Nuclei Sommozzatori. I benefici competono anche al personale delle Sezioni di Polizia Giudiziaria nonchà© ai piloti in stato di pronto intervento aereo e agli equipaggi fissi di volo ed agli equipaggi delle unità  navali;

- ex art. 6, da un coefficiente massimo di 2,2 a un coefficiente minimo di 1,4 per i militari che per non meno di 184 giorni sono stati in forza presso un qualsiasi altro reparto e/o articolazione, compresi i distaccati presso il Ministero dell’economia e delle finanze;

- ex art. 8, da un coefficiente massimo di 1,1 a un coefficiente minimo di I militari, in forza a qualsiasi reparto, che sono stati presenti in servizio per un numero di giorni pari o superiore a 215.

Gli IMPORTI IN ASSOLUTO PIà™ BASSI sono quelli destinati, ex art. 7 del Decreto ministeriale, al personale per il quale si propone l’odierno ricorso collettivo. Ci riferiamo ai militari distaccati presso altri Ministeri, Organismi ed Enti vari, per un periodo non inferiore a 184 giorni nel 2009, partecipano alla distribuzione delle somme di cui all’articolo 9, comma 1, secondo i seguenti coefficienti, in relazione al grado rivestito alla data del 31 dicembre 2009:

- Tenente Colonnello / Maggiore coefficiente 1,1;
- Capitano / Tenente coefficiente 1,0;
- Sottotenente / Maresciallo Aiutante coefficiente 0,9;
- Maresciallo Capo coefficiente 0,8;
- Maresciallo Ordinario / Brigadiere Capo coefficiente 0,7;
- Maresciallo / Brigadiere/Vice Brigadiere coefficiente 0,6;
- Appuntato scelto / Appuntato / Finanziere scelto / Finanziere coefficiente 0,5.

 

2) GLI EFFETTI PARADOSSALI

I risultati paradossali di tali scelte, che non appaiono in alcun modo giustificate dalla lettera dell’art. 53 del D.P.R. 254/1999, il quale, come detto, giustifica differenziazioni esclusivamente per gli impieghi in compiti o incarichi che comportino l’assunzione di specifiche responsabilità  o comportino particolare disagio, sono stati ben evidenziati in un articolo pubblicato sul sito dell’Associazione Ficiesse a firma del Segretario nazionale Domenico VALLEFUOCO (vgs. http://www.ficiesse.it/news.php?id=4127).

<<Dall’entrata in vigore della norma in questione – scrive Vallefuoco -, ogni anno, il personale proveniente dalla Guardia di Finanza operante presso le strutture di polizia interforze, si vede “discriminato” da un COEFFICIENTE ANCHE CINQUE VOLTE INFERIORE A QUELLO DEI PARIGRADO al top della considerazione. Tale personale, infatti, scorrendo gli articoli del Decreto del Ministro dell’economia e delle finanze (vgs. allegati), si vede classificato come “distaccato dei distaccati”, trovandosi posizionato dopo il personale G. di F. impiegato presso il Ministero dell’economia e delle finanze, al quale è riconosciuto un coefficiente tre volte superiore. Risultato? Un premio efficienza irrisorio rispetto a tutti e persino rispetto ai componenti della una sua stessa pattuglia composta da colleghi dei Carabinieri o della Polizia, i quali, altrettanto distaccati, non sono così pesantemente discriminati dalle loro rispettive Amministrazioni. C’è da chiedere, in particolare alla rappresentanza militare, che ogni anno è espressamente invitata ad esprimersi sulla ripartizione di tali coefficienti (“previa informazione alle rappresentanze militari centrali, ai sensi dell’art.59,…”- art.53-DPR. 254/99): Il Servizio Centrale di protezione, le Direzioni Centrali dei Servizi Antidroga e della Polizia Criminale, la Direzione investigativa Antimafia ed altri uffici di polizia interforze, non hanno anche compiti che comportano disagi? Non effettuano servizi altamente specializzati, operativi e tant’altro, così come previsto dalla norma in esame? Il personale della Guardia di Finanza, particolarmente utilizzato nei settori riguardanti il riciclaggio, le infiltrazioni mafiose negli appalti, le operazioni bancarie sospette, le misure di prevenzione patrimoniali, etc. , non andrebbe egualmente incentivato?>>

 

3) I PRECEDENTI RICORSI

In merito ai criteri di distribuzione del Fondo unico efficienza sono stati presentati negli anni scorsi dei ricorsi al T.A.R. del Lazio già  dall’anno 2000, PER SINGOLE ANNUALITà€, nessuno dei quali è pervenuto a sentenza.

Il ricorso che ora propone La Rete Legale riguarda TUTTE LE ANNUALITà€ ANCORA NON PRESCRITTE, e cioè quelle riferite agli anni 2004 (liquidata a fine 2005), 2005, 2006, 2007, 2008 e 2009 (liquidata nel 2010), che sono state poste in pagamento negli anni immediatamente successivi e verranno poste in essere iniziative per giungere alla decisione entro il termine di tre anni.

 

4) CHI PUà’ ADERIRE

Possono aderire:

a) gli appartenenti alla Guardia di finanza;

b) che prestano e/o hanno prestato servizio quali distaccati presso:
- Ministeri diversi da quello dell’Economia e delle finanze;
- Direzione Investigativa Antimafia;
- Servizio Centrale di Protezione;
- la Direzione Centrale di Polizia Criminale;
- la Direzione Centrale dei Servizi Antidroga;
- altri Organi ed Enti esterni al Corpo (eccettuate le Sezioni di polizia giudiziaria);

c) in almeno uno degli anni tra il 2004 e il 2009;

d) per un periodo non inferiore, per ciascun anno di servizio, a 184 giorni.

ATTENZIONE: i ricorrenti devono essere soci o sostenitori de “La Rete Legale” (informazioni sull’iscrizione nel menù di sinistra del sito ww.laretelegale.it),  oppure soci dell’Associazione Finanzieri Cittadini e Solidarietà  - Ficiesse.


5) QUANTO COSTA

Il contributo di adesione al ricorso al T.A.R. è di EURO 50,00 ed è a titolo definitivo, cioè non sarà  più chiesto alcunchà©.

 

6) ISTANZE DI INTERRUZIONE DELLA PRESCRIZIONE RELATIVAMENTE ALLE RISORSE PER IL 2004

àˆ consigliabile che tutti gli interessati provvedano ad inviare quanto prima all’Amministrazione un’ISTANZA DI INTERRUZIONE DELLA PRESCRIZIONE RELATIVA ALLE RISORSE PER L’ANNO 2004 analoga al fac-simile che riportiamo di seguito.
 

Scarica fac-simile istanza per interruzione prescrizione

(da adattare a ciascun caso concreto)


7) COME ADERIRE

Si aderisce all’iniziativa facendo pervenire ENTRO IL 15 GENNAIO 2011:

- all’indirizzo di “La Rete Legale” c/o Associazione Ficiesse, via Palestro n. 78, 00182 Roma, via posta o tramite consegna a mano (in questo caso previo appuntamento telefonico da richiedere ai numeri 06.4742965 e 340.2993001);

- oppure consegnando a mano, entro il 15.01.2011 a una sezione territoriale dell’Associazione Ficiesse (vedi l’elenco delle Sezioni alla pagina http://www.ficiesse.it/sezioni-territoriali.htm).

quanto segue:

1) DUE COPIE della “scheda di adesione e notizie” debitamente compilate e sottoscritte;
2) una procura ad litem SOTTOSCRITTA IN ORIGINALE (attenzione: procure in fotocopia sono causa di nullità  del ricorso);
3) una fotocopia della ricevuta del bonifico di €.50,00;
4) una fotocopia (fronte e retro) di un documento di identità  in corso di validità ;
5) una fotocopia del codice fiscale;
6) una fotocopia dell’istanza di interruzione della prescrizione per il fondo efficienza relativo all’anno 2004 liquidato nel 2005;
6) SEI FOTOCOPIE di un prospetto di liquidazione ovvero di un cedolino di stipendio del mese in cui è stato corrisposto l’importo riconosciuto a titolo di “fondo efficienza servizi istituzionali":
7) SEI FOTOCOPIE dell’attestato di servizio dal quale si rileva la data di presa in carco dell’Ufficio dove l’interessato è impiegato.

Scarica la scheda di adesione

Scarica la procura alle liti

Scarica gli estremi del versamento allo Studio legale incaricato


8) COME AVERE INFORMAZIONI PRIMA DI ADERIRE AL RICORSO

Basta collegarsi al sito internet www.laretelegale.it o al sito www.ficiesse.it.

Si può anche scrivere all’indirizzo “La Rete Legale, c/o Associazione Finanzieri Cittadini e Solidarietà , via Palestro n. 78, 00185 Roma”o telefonare ai n. 06.4742965, 340.2813453 e 340.2993001.


9) COME AVERE INFORMAZIONI DURANTE LA PENDENZA DEL RICORSO

Nei periodi di pendenza del ricorso saranno forniti elementi generali di informazione sul sito www.laretelegale.it. Inoltre, saranno inviate e-mail da La Rete Legale agli interessati che avranno indicato i loro recapiti di posta elettronica nella scheda di adesione. Si prega a tal fine di scrivere IN MODO CHIARO E CORRETTO il proprio indirizzo di posta elettronica nella scheda di adesione.

Informazioni potranno essere richieste via posta ordinaria all’indirizzo “La Rete Legale, c/o Associazione Finanzieri Cittadini e Solidarietà , via Palestro n. 78, 00185 Roma”, oppure telefonando ai n. 06.4742965, 340.2813453 e 340.2993001.


10) LA COMUNICAZIONE SULL’ESITO FINALE DEL RICORSO

L’esito del ricorso sarà  comunicato a cura da La Rete Legale:

- sul sito www.laretelegale.it;
- con email ai ricorrenti che avranno indicato i recapito di posta elettronica;
- con lettere individuali a ciascun ricorrente agli indirizzi indicati nelle schede di adesione.

ATTENZIONE: è necessario che eventuali cambiamenti di indirizzo e di posta elettronica siano tempestivamente segnalati a La Rete Legale.


11) TERMINE PER L’INVIO DELLA DOCUMENTAZIONE

Si ripete che la scheda di adesione con i relativi allegati e la procura alle liti e il versamento del contributo di adesione DEVONO PERVENIRE A LA RETE LEGALE ENTRO IL 15 GENNAIO 2011.


Tua email:   Invia a: