FESTEGGIA CON I COLLEGHI, POI UCCIDE MOGLIE E SI SUICIDA. APPUNTATO CARABINIERI A BENEVENTO, HA USATO PISTOLA D'ORDINANZA - MAFIA: M5S, MOZIONE SENATO PER NO CHIUSURA DIA A MALPENSA - CRISI:SPAGNA,CON RIFORMA AMMINISTRATIVA TAGLIO 6,5 MLD SPESA

sabato 22 giugno 2013

FESTEGGIA CON I COLLEGHI, POI UCCIDE MOGLIE E SI SUICIDA
APPUNTATO CARABINIERI A BENEVENTO, HA USATO PISTOLA D'ORDINANZA
(ANSA) - BENEVENTO, 21 GIU - Stamattina era tornato in
caserma, anche se era in congedo, per offrire il caffe' ai
colleghi nel giorno del suo onomastico. Poco dopo l'una ha
ucciso la moglie e poi si e' suicidato con la stessa pistola.
Un appuntato scelto dei carabinieri, Luigi Chiumiento, 46
anni, in servizio nella caserma di San Leucio del Sannio, ma
residente a Benevento, ha inseguito per le strade della citta' -
facendo pensare ad un' operazione delle forze dell' ordine - a
bordo della propria ''Peugeot 807'', la moglie, Raffaella
Ranauro, 41 anni, che era alla guida di una ''Citroen C3''.
Il militare le ha tagliato la strada, costringendo la donna a
fermarsi. Poi si e' avvicinato allo sportello della guidatrice.
Tra i due - secondo la ricostruzione fornita dai carabinieri -
c'e' stato un breve battibecco. Poi il carabiniere ha sparato
due colpi di pistola contro la moglie, che hanno attraversato il
finestrino raggiungendola al volto. La donna e' morta prima
dell'arrivo dei soccorsi. Chiumiento e' ritornato nella proprio
auto, e, sempre con l' arma di ordinanza, una Beretta calibro 9
parabellum, si e' sparato un colpo di pistola sotto il mento. Il
proiettile gli ha provocato lo sfondamento della calotta
cranica. La morte e' sopraggiunta poco dopo.
Tra i coniugi - secondo alcune testimonianze - c'erano da
tempo dissapori, forse legati alla gelosia dell'appuntato, ma
chi li conosceva non aveva registrato nessun segnale che potesse
far pensare ad un epilogo di questo genere. La coppia aveva tre
figli, di 19, 12 e 9 anni.
Sul luogo dell'omicidio-suicidio sono intervenuti polizia e
carabinieri, il sostituto procuratore di Benevento, Giovanni
Tartaglia Polcini, ed il medico legale Fernando Panarese.
L'accaduto ha sconvolto anche i carabinieri. Il Comandante
della Legione Campania, Generale Carmine Adinolfi, si e' recato
a Benevento. Insieme al Comandante provinciale, colonello.
Antonio Carideo, il generale Adinolfi ha incontrato i figli
dell' appuntato, nell' abitazione della nonna materna garantendo
loro l'assistenza dell'Arma. (ANSA).

MAFIA: M5S, MOZIONE SENATO PER NO CHIUSURA DIA A MALPENSA
(ANSA) - ROMA, 21 GIU - Il gruppo parlamentare del Movimento
5 Stelle al Senato ha depositato una mozione, primi firmatari
Bruno Marton e Laura Bignami, per chiedere al Governo di
revocare con urgenza la disposizione relativa alla chiusura del
nucleo informativo della Direzione Investigativa Antimafia
(D.I.A.) presso l'aeroporto di Malpensa.
Marton e Bignami, ''accogliendo le istanze dei sindacati di
polizia, chiedono invece di rafforzare l'ufficio, che in questi
anni ha dato prova di efficienza operativa, incrementando le
risorse per personale, mezzi e formazione, al fine di garantire
un'azione piu' efficace e capillare di contrasto della
criminalita', in un'area che e' un crocevia importante di
mobilita' di persone e merci''.
''Le motivazioni addotte relativamente alla chiusura del
nucleo D.I.A. di Malpensa - aggiungono i senatori M5S - non
risultano accettabili soprattutto in prospettiva del grande
evento di Expo' 2015, per il quale sono previste circa 100mila
persone al giorno, la maggior parte delle quali atterrera'
nell'aeroporto varesino''. (ANSA).

CRISI:SPAGNA,CON RIFORMA AMMINISTRATIVA TAGLIO 6,5 MLD SPESA
(ANSA) - MADRID, 21 GIU - Con la riforma dell'amministrazione
pubblica approvata oggi dall'esecutivo in Spagna, il governo
prevede di tagliare 6,5 miliardi di euro dall'elevato deficit
pubblico e un risparmio di 13,6 miliardi per i cittadini.
Complessivamente, secondo quanto ha spiegato la vicepremier
Soraya Sanz de Santamaria al termine dell'odierno consiglio dei
ministri, la riforma comportera' un risparmio di 37,7 miliardi
di euro, per tutte le amministrazioni pubbliche, pari a una
riduzione di 17,5 miliardi di euro nei bilanci dello Stato
compresi fra il 2011 e il 2015. Introduce ''una nuova filosofia
di cooperazione'' fra le amministrazioni centrale, regionali e
locali, con la condivisione e la pianificazione di servizi. Il
risparmio di 6,5 miliardi di euro dalle casse statali derivera'
dall'eliminazione dei doppioni amministrativi fra Stato e
regioni, dalla centralizzazione di acquisti di forniture e dalla
soppressione di organismi ed enti pubblici, fra i quali tutti i
Difensori del popolo delle comunita' autonome, delle Corti dei
conti regionali e di 90 osservatori e istituti di opinione.
Il risparmio di 16,3 miliardi di euro per i cittadini
derivera' dall'introduzione di servizi amministrativi
elettronici e della fattura informatica, e dalla semplificazione
di tramiti burocratici. (ANSA)



Tua email:   Invia a: